Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu
TV - 2016 Primavera
Titolo: Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu
Titolo Eng: Re:ZERO -Starting Life in Another World-
Categoria: TV
Anno e Stagione: 2016 Primavera
Inizio Trasmissione: 4-Apr-2016
Episodi: 25 (26 min)
Tratto da: Light novel
Genere: Psicologico, Drammatico, Thriller, Fantasy
Studio: White Fox
Valutazione: 8.26 (da 157 utenti)
AGGIUNGI AI PREFERITI

TRAMA

Modifica Trama
Natsuki Subaru è un hikikomori logorroico che dopo essere uscito da un konbini, stanco per aver passato tutta la giornata in casa a giocare, si ritrova a Lugunica, un mondo parallelo medievale dove ci sono infinità di razze e di umanoidi. Vagando per la città, senza sapere leggere o scrivere e dove la moneta è diversa, finisce in una locanda di umanoidi che lo scacciano via in malo modo finendo nel fiume. Nel vicolo dove si riprende, viene aggredito tra tre banditi. Viene salvato da una mezzelfa dai capelli argentati con Puck, uno spirito al seguito della bellissima donzella che dopo averlo curato, quest’ultimo l’aiuta a ritrovare il suo stemma rubato precedentemente da una ragazzina bionda. Cercando e chiedendo informazioni scoprono che la ragazza è Felt, una rinomata ladruncola. Finiscono così nel quartiere malfamato dove, dopo altre indicazioni, giungono alla locanda dove dovrebbe essere la piccola ladra. Ad aspettarli però un tragico scenario che porta alla scoperta del vero potere di Natsuki Subaru: il “ritorno dalla morte”. Inizia così la rinascita del protagonista come vita, dove segreti oscuri e situazioni insidiose devono essere portate a termine, con ogni mezzo.

PUOI VEDERE LA SERIE DA

PERSONAGGI

Rem
Subaru Natsuki
Emilia
Ram
Frederica Baumann
Felix Argail

STAFF

Watanabe Masaharu - Direttore , Episode Director , Storyboard
Aketagawa Jin - Direttore del Suono
Koga Kazuomi - Episode Director
Koyanagi Tatsuya - Episode Director , Storyboard , Animation Director
Okamoto Manabu - Episode Director , Storyboard , Key Animation
Shinohara Masahiro - Episode Director
Takashima Daisuke - Episode Director
Yamamoto Hideyo - Episode Director
Nakamura Yoshiko - Script

OPENING (Sigle d'apertura della serie)

ENDING (Sigle di chiusura della serie)

ARTICOLI CONSIGLIATI

SERIE CORRELATE

Re:Zero kara Hajimeru Break Time
Special - 11 Episodi - Primavera 2016
Una serie di cortometraggi comici con versioni chibi dei personaggi dello show principale
Re:Petit kara Hajimeru Isekai Seikatsu
Special - 14 Episodi - Primavera 2016
Una collezione di cortometraggi comici con personaggi di Re: Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu. Una continuazione di Re: Zero kara...
Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu: Memory Snow
OVA - 1 Episodi - Autunno 2018
Memory Snow ha luogo dopo che Subaru e gli amici hanno sconfitto il Demon Beast Wolgarm, la fonte della maledizione,...
Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu - Hyouketsu no Kizuna
Movie - 1 Episodi - Autunno 2019
Durante Re: Zero Kara Hajimeru Isekai Seikatsu: Memory Snow OVA, è stato annunciato che il franchise di Re: Zero avrà...
Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu 2nd Season
TV - ??? Episodi - Estate 2020
Seconda stagione di "Re:Zero".

SERIE RACCOMANDATE DAGLI UTENTI CHE HANNO VISTO "Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu"

Steins;Gate
TV - 24 Episodi - Primavera 2011
Ambientato nel quartiere di Akihabara, durante l’estate del 2010, a circa un anno di distanza dagli eventi presentati in Chaos;Head,...
Kono Subarashii Sekai ni Shukufuku wo!
TV - 10 Episodi - Inverno 2016
La storia ha come protagonista l'hikikomori e otaku di anime, manga e videogames, Kazuma Satou che un giorno è vittima...
Boku dake ga Inai Machi
TV - 12 Episodi - Inverno 2016
Il 29enne Satoru Fujinuma cerca di farsi un nome come mangaka, non senza difficoltà e molte paure. Gran parte delle...
Mahou Shoujo Madoka★Magica
TV - 12 Episodi - Inverno 2011
Puella Magi Madoka Magica (Mahou Shoujo Madoka★Magica) segue le avventure di Madoka Kaname e Sayaka Miki, due giovani studentesse che...
Higurashi no Naku Koro ni
TV - 26 Episodi - Primavera 2006
La storia si svolge nel Giugno del 1983 ad Hinamizawa ,un tranquillo e piccolo villaggio rurale.Keiichi Maebara, si è appena...
Sword Art Online
TV - 25 Episodi - Estate 2012
Nel 2022, la realtà virtuale è pronta a diventare un fenomeno di massa grazie a un gioco di ruolo online...
Akame ga Kill!
TV - 24 Episodi - Estate 2014
Tre giovani amici, Tatsumi, Ieyasu e Sayo, lasciano il loro piccolo villaggio in rovina per raggiungere la capitale dell'impero in...
Hai to Gensou no Grimgar
TV - 12 Episodi - Inverno 2016
Prima che Haruhito potesse capire cosa gli stesse succedendo, era già circondato dalle tenebre. Perché si trovava li? Che luogo...
Post della community
Usui Lildaypay 2 mesi fa
Nessuna funzione permessa
Uscito nuovo trailer della seconda di Re zero :)
newsintheshell.tumblr.com
Furanshisuko   il 21/12/2018
Nessuna funzione permessa
Ricordo che nell'arco narrativo della balena, si scopre che in origine era .... (non ricordo) che poi diventa la balena bianca.
Qualcuno ricorda cosa fosse in origine e perché si trasforma?
Kagome Higurashi 7 mesi fa
Nessuna funzione permessa
Voglio iniziarlo, merita regà?
Carmine Radogna 11 mesi fa
Nessuna funzione permessa
davvero una bella serie, non mi ha annoiato e nonostante ci sia del soprannaturale (un genere che non preferisco) mi è piaciuta molto. La consiglio a tutti, soprattutto agli amanti degli isekai e a chi vuole incimentarsi per la prima volta in questo genere. Tra i personaggi la mia preferita è stata Rem.

Per qualcuno più esperto che ne sa più di me, potrebbe darmi un consiglio sulla serie manga della jpop? perchè non riesco a capire quante stagioni sono e se sono tutti manga o light novel. Grazie mille della disponibilità 🙂
IGamer ITA Emanuele il 02/07/2019
Nessuna funzione permessa
Da 1 a 10 quanto odiate questo qui
Rayan Naamane il 23/04/2019
Nessuna funzione permessa
Quando uscirà la seconda stagione?
Marik Sama il 23/03/2019
Nessuna funzione permessa
Iper contento per l'annuncio della seconda stagione che penso sia ambientata dopo gli OAV.A proprosito di questi,sapete se qualcuno li ha subbati/li sta subbando?
Giopix Jaeger il 01/12/2018
Nessuna funzione permessa
Oddiiiooooo, appena finisco un episodio devo vedere subito anche quello dopo perchè sono troppo curiosoooo. E poi finiscono tutti in sospeso, poveretti quelli guardavani l'anime mentre usciva e dovevano aspettare una settimana
Giopix Jaeger il 28/11/2018
Nessuna funzione permessa
La storia mi sta prendendo parecchio...
Giopix Jaeger il 21/08/2018
Nessuna funzione permessa
Sapete dove posso vederlo?(evidentemente se lo chiedo i siti indicati dal nella scheda anime non vanno bene quindi... No crunchyroll o anime magic fansub(neanche i torrent))
Usui Lildaypay il 26/02/2018
Nessuna funzione permessa
Oggi #lunedifeels con la seconda op di Re:zero.
Serie che con la sofferenza ci va giù pesante, tanto da arrivare ad un violento splatter in determinati episodi.

Molti l'hanno classificato come Best Anime della stagione Primavera/Estate 2016 , altri come l'ennesima pessima serie stile SAO...

...voi invece, che ne pensate?

Usui Lildaypay il 05/03/2017
Nessuna funzione permessa
Ragazzi, oggi è un giorno bellissimo.
Gli Orion hanno doppiato il video di Gigguk su Re zero.

Non potevo non condividere con voi questa grande perla! :D
Sas il 10/06/2016
Nessuna funzione permessa
#recensioni_animeit
Nome: Re: Zero kara hajimeru isekai seikatsu
Anno: 2014 (Light Novel), 2014-2015 (Manga), 2016 (Anime)
Genere: Avventura Fantasy Mistero
Autore: Tappei Nagatsuki (Scrittore), Shin'ichirou Outsuka (Illustratore)
Studio: White Fox

PREMESSA : L’opera conterrà spoiler ma farò un capitolo a parte per spiegare bene qualche buco di trama con gli stessi annessi, specialmente per la parte finale dove ce ne sono alcuni molto significativi e importanti.Inoltre parlo dell'anime senza riferimenti a Novel o Manga - come sempre del resto, a meno che non sia strettamente necessario-.

Natsuki Subaru è un hikikomori logorroico che dopo essere uscito da un konbini, stanco per aver passato tutta la giornata in casa a giocare, si ritrova a Lugunica, un mondo parallelo medievale dove ci sono infinità di razze e di umanoidi. Vagando per la città, senza sapere leggere o scrivere e dove la moneta è diversa, finisce in una locanda di umanoidi che lo scacciano via in malo modo finendo nel fiume. Nel vicolo dove si riprende, viene aggredito tra tre banditi. Viene salvato da una mezzelfa dai capelli argentati con Puck, uno spirito al seguito della bellissima donzella che dopo averlo curato, quest’ultimo l’aiuta a ritrovare il suo stemma rubato precedentemente da una ragazzina bionda. Cercando e chiedendo informazioni scoprono che la ragazza è Felt, una rinomata ladruncola. Finiscono così nel quartiere malfamato dove, dopo altre indicazioni, giungono alla locanda dove dovrebbe essere la piccola ladra.
Ad aspettarli però un tragico scenario che porta alla scoperta del vero potere di Natsuki Subaru: il “ritorno dalla morte”. Inizia così la rinascita del protagonista come vita, dove segreti oscuri e situazioni insidiose devono essere portate a termine, con ogni mezzo.

In quanto a personaggi Re:Zero ne offre tanti e quasi con una caratteristica importante – seppur alcuni poco caratterizzati - , specialmente sul piano del chara design.
Illustrando i veri principali partiamo da Natsuki Subaru: il suo carattere è di quelli altezzosi, con un ego smisurato e una voglia di fare ma soprattutto di farsi notare e commentare in tutto ciò che fa, bene o sbagliato che sia. Non smette di mettersi mai in gioco e per amore, o infatuazione, e cerca di risolvere ogni problema che capita alla giovane mezzelfa in maniera molto irritante e presuntuosa.

Proprio lei, Emilia, è una ragazza dal cuore buono, sempre pronta ad aiutare prima gli altri e poi sé stessa. All’inizio è puntigliosa, poi con il passare degli episodi si scioglie e diventa più socievole con il protagonista a tal punto che fino alla fine, conscia del bene che il giovane le vuole, pur non ammettendolo inizia ad affezionarsi. Abbina la durezza dei rimproveri ad un calore tiepido ma accogliente, come il piccolo fuocherello di un camino o più comunemente è una mamma. Nonostante questo suo lato materno, Emilia è resa bene per via della sua situazione che la porta a comportarsi in maniera premurosa verso tutti.

Al suo seguito troviamo Rem e Ram. Esse sono due demoni gemelle. SI contraddistinguono per il colore dei capelli, per abilità diverse e per dei lati dei caratteri particolari: Ram è schietta, precisa e ligia al dovere mentre Rem è più dolce, tenera, protettiva ma anche molto violenta quando si tratta di combattere.

Per i personaggi minori ma pur sempre importanti a seconda dei vari eventi possiamo individuare in Crusch, Julius e Beatrice.
Quest’ultima perché vive nella magione di Emilia insieme a Rem e Ram ed è l’incaricata della biblioteca proibita. Rivela a Subaru alcuni indizi sul suo potere e protegge la villa. Di carattere schietto, nervoso, e sempre pronto ad offendere, è una loli interessante quanto simpatica per le sue caratteristiche vanitose.

Crusch invece è una rivale di Emilia che aiuta Subaru a proteggere la giovane. Avida ma valorosa, pronta a combattere se riesce a raggiungere un accordo soddisfacente più per lei che per entrambi.

Julius invece è particolare. Molto vanitoso – come tutti i personaggi dell’opera del resto – fa dell’onore dei cavalieri di cui fa parte uno scopo per non uscire mai al di fuori degli schemi. Odia Subaru perché è il contrario di egli stesso. Se da un lato c’è lui preciso, ligio, fiero, determinato, sicuro, dall’altro c’è Subaru che è indisciplinato, vanitoso senza motivo, altezzoso che fa sì che ne escano fuori i difetti peggiori dei cavalieri.

PARTI SPOILER SU ALCUNI BUCHI DI TRAMA
Qui invece voglio illustrare qualche buco di trama molto particolare. La maggior parte sulla parte finale per evidenziare alcuni errori non notati.
1) Nell’arco delle magi-bestie alla tenuta del Conte Roswall viene detto a Subaru che una maledizione quando inizia non può essere rimossa e quindi in ogni caso il soggetto è destinato a morire. Un conto è lanciarla, un conto è farla entrare in circolo.
I bambini presi in considerazione dalla maledizione, una volta trovati da Subaru nel prato hanno già subito l’arcana magia, nel senso che è stata lanciata e successivamente attivata. Il fatto di aver trovato ed ucciso il capo delle magi-belve ha a che fare con la rimozione della maledizione stessa? Se no, dovevano morire, se sì allora la logica c’è. L’opera non lo spiega quindi è da inserire nei buchi di trama importanti.
2) Rem viene quasi uccisa da Betelguese, tuttavia pur avendo gli arti di gamba e braccia spezzati e messi al contrario, si rialza per andare contro Subaru ferito moralmente e farsi abbracciare.
A meno che Rem non abbia recitato nel cast dell’esorcista è una scena completamente fatta per la fandom tra il demone dai capelli azzurri e Subaru.
3) Perché in un episodio Wilheim e Emilia sono in grado di vedere le Mani Invisibili delle Dita mentre nell’ultimo episodio Julius si serve di una magia dove utilizza gli occhi di Subaru poiché per lui sono impossibili da vedere? Essendo Julius un adepto delle arti principalmente, oltre che spadaccino – mentre Wilheim è solamente un guerriero – non dovrebbe essere più propenso a vedere nel caso le Mani come Emilia? E veramente le Mani possono essere viste da chi ha una buona potenza in combattimento? O solamente da chi sa utilizzare la magia? E non dovrebbe vederle solamente Subaru avendo la Strega dentro di sé? Precedentemente si era visto Betelguese volare seduto ma solamente Subaru aveva notato le Mani Invisibili.
4) Otto si offre si portare Subaru da Emilia. Viene fuori che sa ascoltare tutti i tipi di animali ma nella stessa scena, subito dopo questa affermazione, dice che gli alberi sono spaventati così come gli animali.
A detta di Otto può ascoltare tutti i tipi di animali, le piante non le nomina. E perché non ha utilizzato questa sua abilità con la Balena Bianca quando scortava con la carovana Subaru? Li gli animali non hanno sentito il pericolo anche dopo il primo attacco?
5) Beatrice durante l’attacco del Culto della Strega non appare. È stato spiegato che la Biblioteca è introvabile per chiunque tranne che per lei, eppure non appare.
Ma Beatrice ha un contratto dove protegge la magione di Roswall e di lei non c’è traccia in tutta la villa.
Tra l’altro in un vecchio episodio Beatrice esce dalla villa per arrivare sulla rupe dove Subaru in seguito si suiciderà. Il suo raggio di uscita le permette di uscire nei confini della villa stessa o può solo operare all’interno della biblioteca? A rigor di logica solo dentro la biblioteca.
6) La “Cacciatrice di Budella “e la “Selezione Reale “ai fini dell’opera stessa a che sono servite? O meglio, la prima è servita a far arrivare Subaru nella magione di Emilia mentre la seconda per dar vita al combattimento contro la Balena Bianca ma di per sé a cosa è servito?
Elsa la Cacciatrice non ritorna più e la Selezione Reale illustra il vero obiettivo di Emilia ma di tutto ciò non mostra altro, solo la riunione con il litigio con Subaru e l’odio verso Julius di quest’ultimo ma in sé la Selezione Reale non viene trattata, viene solamente accennata prima di iniziare il nuovo arco.
7) Subaru per tutto l’anime non riesce a dire di avere il Ritorno dalla Morte poiché come lo accenna viene stritolato al cuore dalla Strega. Prova a scrivere ma il foglio rimane bianco. Solamente una volta riesce con molto affanno e in quell'istante muore Emilia che aveva ascoltato il segreto di Subaru.
Nel momento in cui Betelguese si impossessa di Subaru nell’ultimo episodio perché quest’ultimo ha deciso di farsi conquistare il corpo e la mente volontariamente per utilizzare la Strega – e già il fatto che precedentemente egli aveva avvertito che poteva finire impossessato e nessuno si è fatto domande – Subaru in prevalenza durante il confronto tra le menti riesce a dire la frase. Perché stavolta ci è riuscito? E perché la Strega che ha al servizio Betelguese e i suoi subordinati non lo riconosce come colui che è dentro il corpo e lo scaccia via? Perché non gli stritola il cuore? Inoltre perché Julius non muore dopo aver ascoltato il potere di Subaru? In precedenza era toccato ad Emilia ma in quel caso Subaru lo riuscì a dire in maniera molto forzata ma in questo caso lo afferma abbastanza fluidamente facendo notare come non subisca e arranchi per affermare di avere il Ritorno dalla Morte.
😎 Durante la corsa con il carro per raggiungere Emilia, Betelguese appare in maniera trasformata e inizia a devastare il carro incendiandolo e distruggendolo con le Mani Invisibili.
Il carro che corre tranquillamente come se non ci fosse il peso a reggerlo e distruggerlo e Subaru che per togliere di mezzo Betelguese dopo aver utilizzato una magia che Julius gli aveva dato – ma non era l’oscurità l’attributo di Subaru? – lancia in alto il vangelo così che il mostro accidioso si distragga per poi colpirlo con un pugno in faccia.
È veramente bastato un pugno in faccia non magico per fermare Betelguese e la sua folle rincorsa per uccidere Subaru?
9) Perché in un episodio Betelguese uccide Emilia aprendola in due e sventrandola quando nell’episodio 24 dice a Subaru di considerare Emilia come il fulcro della ricerca del Culto della Strega poiché serve il corpo della mezzelfa come ricettacolo per far tornare in vita Satella? Perché precedentemente l’aveva uccisa in quel modo se serve come sacrificio? Il sacrificio nel caso può funzionare anche da morta?
FINE PARTI SPOILER

L’opera in sé non è gestita male, anzi è anche strutturata con i giusti tempi, le giuste – o quasi tutte – battute, dialoghi abbastanza buoni. I personaggi di per sé non sono caratterizzati male, anche se alcuni come Emilia o Betelguese sono molto concentrati su ciò che è il loro obiettivo. Betelguese – che non ho inserito nei personaggi per non spoilerare – è uno psicopatico.
Il fatto stesso che sia più pazzo di altri personaggi non cambia il concetto di follia. Mordersi le dita fino a sanguinare non rende un personaggio ben caratterizzato. Betelguese è un normalissimo personaggio pazzo con tendenze violente su sé stesso.

Nonostante questo Emilia e Betelguese non sono resi male seppur caratterizzati come una mamma e un pazzo ma non sono quelle personalità che possono risaltare. La stessa Rem anche se dolce e tenera con tendenze violente quando deve combattere non è un personaggio degno di nota. Vuole essere la moglie perfetta, la partner di vita ideale per ciò che dice, per i suoi sogni ma nel contesto rimane una maid sottomessa in ogni maniera.
Facile accumunare Rem ad una waifu/wife quando a parole le si fa fare la parte della cricetina innamorata.
Non è un male il contrasto con Ram o con Emilia solamente che viene dato più risalto ad un personaggio con sogni che non potranno mai avverarsi rispetto a colei che dovrebbe essere il fulcro dell’opera, ovvero la ragazza dai capelli d’argento. Su questa differenza c’è una contraddizione abbastanza ampia poiché Rem sembra essere al centro di tutto mentre la mezzelfa passa dalla parte del problema da risolvere.
Nel contesto però se uno stereotipo viene inserito bene – come Emilia o Betelguese – l’opera può risultare piacevole lo stesso anche a discapito di alcuni personaggi poco caratterizzati.

Certo, il fatto che siano tutti molto vanitosi, molto nobiliari è un sinonimo di euforia del momento, però nel contesto sono inseriti bene. I cavalieri sono precisi come devono essere così come la servitù e i contadini del feudo. Subaru è l’unico fuori posto a causa del suo carattere.
C’è differenza tra caratterizzato male ed essere fuori posto.
Il carattere vanitoso e logorroico di Subaru è ok, si abbina perfettamente al soggetto che egli stesso è nel caso di un appassionato di videogiochi, anime e affini. Lui entra nella mentalità di essere il protagonista di un gioco fantasy dove deve salvare la bella ragazza dalle grinfie del nemico malvagio e spavaldo di ciò pensa di riuscire a fare ogni cosa.
Col tempo perde la sicurezza ma all’inizio mostra in realtà un lato che gli stessi hikkikomori difficilmente hanno se non nel virtuale.

Non è un caso però che Rem e Ram siano i personaggi peggiori dell’opera, sia per i sogni della ragazza dai capelli azzurri sia per la troppa rigidità e poca apparizione della sorellina dai capelli rossi.
Il classico clichè delle gemelle è avere una estroversa ed una introversa, una dolce e una scontrosa, e su questo Re:Zero le abbina bene, l’unico difetto è di mostrarne una poco o nulla – Ram – e una fin troppo e in contesti molto particolari per una semplice maid seppur in grado di utilizzare la magia.

Risalta però all’occhio come pregio sicuramente il design dei personaggi stessi. Demoni, mezzelfi, umanoidi e mostri sono un classico del genere fantasy e nel mondo di Re:Zero i mezzelfi vengono visti in maniera diversa. Anche il disegno stesso non fa comprendere bene la natura di mezzelfa di Emilia.
Per fare un paragone con Nihal del Mondo Emerso, lei è una mezzelfa ma viene messo tutto in risalto per far sì che lo sembri, nel caso di Emilia no. Viene accennato ma perché i disegni stessi sono fatti in modo che Emilia debba nascondere quei piccoli particolari da elfa come le orecchie a punta o i capelli argentati in alcuni casi. Inoltre la stessa Emilia è quasi uguale – specialmente per la pettinatura – a Byakuya Mimori di Katsute Mahou Shoujo to Aku wa Tekitai Shiteita scritta da Fujiwara Cocoa.

Rem e Ram sono demoni ma lo sono solamente nella forma da combattimento per il resto sono integrate come semplici maid. L’autore qui però riesce a curare bene l’aspetto dei suoi personaggi. Ornamenti, vestiario sia maschile che femminile è reso bene e anche in maniera molto precisa e accurata. Un esempio più accurato può essere Felt durante la Selezione Reale dove il suo vestito da evento importante è ben realizzato, cambia completamente l’aspetto del personaggio.
La realizzazione dell’abbigliamento in un mondo medievale magico è un aspetto positivo di Re:Zero

Come combattimenti invece c’è da penare. Sul piano dei combattimenti le reazioni umane dei personaggi non sono del tutto esatte, specialmente nelle situazioni di crisi e panico.
In uno dei combattimenti più importanti il nemico è risaputo di essere potente, eppure basta un Subaru alla carica per invogliare tutti a combattere con il miglior vigore possibile dove tra l’altro viene ferito dalle spade in maniera molto facile, come se fosse tenero di costituzione.
Le musiche sono una pecca abbastanza grande in quest’opera. Non ce ne sono di rilievo e in un’opera fantasy con magie, demoni, maledizioni, combattimenti, sangue, momenti teneri, momenti critici l’abbinamento delle musiche dovrebbe essere essenziale per risaltare l’opera eppure solo alcune vengono adattate decentemente.

I poteri vengono spiegati poco. Emilia stessa è un’adepta delle arti degli Spiriti ma non viene spiegato che tipi di spiriti ci sono, gli elementi di quel mondo. Infatti con Julius è lo stesso.
Pur essendo praticamente degli spiriti è uno spadaccino cavaliere. In teoria un adepto degli spiriti è più potente di un cavaliere, eppure Julius preferisce comportarsi in maniera più valorosa con la spada utilizzando poco e niente la magia.

L’opera comunque, seppur con buchi di trama anche gravi la consiglio di vedere. A volte anche vedere roba scadente può andare.
Qui a differenza per esempio di altre opere i personaggi sono molto decenti, seppur con qualche riserva, ma comunque ad intrattenere lo spettatore è il ritorno alla morte di Subaru.

Diciamo però che un racconto fatto di mini-archi come checkpoint è secondo me la pecca più grande oltre alla mancanza di trama stessa. Come funziona il ritorno alla morte, perché è stato scelto Subaru, come ci è finito semplicemente chiudendo e riaprendo gli occhi per la stanchezza, non viene spiegato, né viene spiegato ciò che effettivamente deve fare.
Inoltre in ogni episodio c’è sempre un accenno a cosa deve succedere dopo, sempre una frase o una parola riguardante gli eventi futuri e la storia della Strega. Alla lunga può piacere come non può piacere questa scelta di indirizzare verso i prossimi episodi.

Ipotizziamola così: la trama parte perché Subaru incontra casualmente Emilia. Se non avesse incontrato casualmente – lo ribadisco per evidenziare – Emilia, il suo arrivare a Lugunica sarebbe stato inutile ai fini della trama. Non è che chi ha donato il potere a Subaru lo ha fatto arrivare in maniera tale da capire il suo scopo, tutto nasce da un salvataggio che poi è tutto collegato ai fini dell’opera stessa. Non viene spiegato se è stato casuale o è tutto un disegno della donatrice del Ritorno alla Morte. Stando così abbiamo una trama casuale senza le dovute basi. Il fatto stesso di tornare ad un preciso checkpoint fa parte del potere? E dopo che ha finito un “arco narrativo” nel successivo il checkpoint parte da quel punto perché il filo del destino – chiamiamolo così – ha considerato concluso il punto precedente?

Guardare Re:Zero può aiutare a capire cosa sono le basi di una trama e che i poteri devono venire spiegati e soprattutto a notare cosa è un buco di trama sia nell’opera stessa che nella sceneggiatura. __Hachiman
Vuoi segnalare qualche problema o altro nella seguente scheda?
Contattaci con un messaggio privato o sulla nostre pagine Instagram e Facebook.